Optare per l’abbigliamento biologico è decisamente consigliabile per tanti motivi: ecosostenibili, etici, economici e di salute giusto per citarne alcuni. La filiera della moda sta guardando con interesse sempre maggiore verso la produzione ecologica, poiché così facendo incontra il favore dell’opinione pubblica e inoltre può tagliare un bel po’ di costi.

Da considerare poi altri due aspetti: lo sfruttamento intensivo delle materie per la produzione di capi d’abbigliamento e la salute. La moda negli ultimi anni ha cannibalizzato le materie prime, provocando uno sfruttamento intensivo che ha impoverito il pianeta di risorse e aumentato sensibilmente i costi. Inoltre i capi tradizionali sono realizzati con sostanze nocive che possono entrare in contatto con il corpo, provocando irritazioni e addirittura allergie alle pelli più sensibili.

Problemi che possono essere bypassati tranquillamente con capi ecologici, che riducono sensibilmente lo sfruttamento delle materie prime e trattano con delicatezza le pelli più sensibili.

Quando un capo può essere definito biologico?

I prodotti per essere definiti biologici devono essere ottenuti da un’agricoltura biologica, che non utilizza pesticidi, OGM o altre sostanze chimiche. Anche i capi d’abbigliamento biologici devono essere prodotti da aziende che adottano una politica bio e che sono sottoposte a rigidi protocolli e continui controlli per l’attestazione della produzione biologica.

Le certificazioni assicurano al consumatore che tutte le fasi della produzione rispettano le rigide normative e che le sostanze utilizzate vengono costantemente tracciate. I capi d’abbigliamento ecologici usano quindi fibre prodotte senza l’uso di sostanze chimiche e con un impatto ecologico molto contenuto.

Quali sono i vantaggi dell’abbigliamento biologico

Puntare sull’ecologico significa ridurre notevolmente la produzione di sostanze chimiche, quindi i danni per il nostro malandato pianeta sono decisamente più contenuti. I tessuti biologici sono naturali e riciclabili, quindi riducono notevolmente lo sfruttamento di materie prime.

Come già accennato l’abbigliamento biologico è una garanzia in termini di salute, poiché vengono commercializzati esclusivamente capi prodotti con metodi ecologici e senza l’uso di sostanze chimiche o nocive che possono danneggiare la pelle.

Scegliere abbigliamento biologico non significa rinunciare alla qualità, anzi, sia nella stagioni invernali che in quelle estive i capi forniscono prestazioni elevate che non hanno nulla da invidiare ai capi tradizionali.

C’è poi da fare anche un discorso etico, dal momento che la produzione di questo abbigliamento avviene nel totale rispetto per i lavoratori e per gli stessi animali, dai quali si producono fibre che provengono da animali allevati al pascolo e non da allevamenti intensivi.

L’abbigliamento biologico, partito in sordina nel settore della moda, si sta diffondendo sempre di più ed è destinato a diventare una tendenza negli anni futuri.

Comments

comments