Qualsiasi problema, dal più lieve al più grave, che riguarda la salute della bocca va considerato come una questione seria. Una cura odontoiatrica sbagliata può portare a rischi e complicanze non indifferenti. Per motivi di prevenzione o cura, bisogna affidarsi a professionisti con la P maiuscola. Esperienza, competenza, preparazione, buona manualità, precisione, onestà, trasparenza e tempismo sono alcuni degli aspetti da valutare. Come riconoscere i centri odontoiatrici affidabili?

Gentilezza e delicatezza non bastano: un centro odontoiatrico che si rispetti dispone, innanzitutto, di uno specialista per ogni problema da trattare (implantologo, igienista, paradontologo, gnatologo, dentista per bambini, ecc.). Una scelta superficiale potrebbe costare molto cara in termini di salute e di soldi gettati al vento.

Ecco qualche consiglio utile per trovare un centro odontoiatrico affidabile.

Centri odontoiatrici affidabili: come riconoscerli

Chi non ha la fortuna di trovare un centro odontoiatrico affidabile grazie a conoscenze dirette (parenti, amici) si chiede come fare per trovarne uno professionale.

I fattori importanti da valutare nella scelta di un dentista affidabile li suggerisce il blog di un centro odontoiatrico a Salerno da cui abbiamo attinto per rispondere alla domanda.

Il primo ‘segnale’ di affidabilità è la propensione del professionista a non tirarsi mai indietro, quando c’è bisogno di lui, ciò che oggi viene chiamato ‘problem solving’. Un professionista sa bene che il suo non è soltanto un lavoro ma una missione, risponde prontamente a problemi ed emergenze.

Chi, per curiosità o urgenza, punta su un determinato centro vicino casa dovrebbe, prima di tutto, verificare se l’attività è regolarmente registrata, controllare sul sito web i nomi degli specialisti e se sono iscritti all’Albo. Per scoprirlo basta collegarsi al portale della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici e degli Odontoiatri digitando il nominativo e la città dello specialista. Controllare recensioni e opinioni online non guasta mai.

Quali sono gli aspetti importanti che spingono le persone a tornare in uno studio dentistico? A cosa si deve la sua affidabilità e professionalità?

  1. Comunicazione e trasparenza

Gli specialisti che lavorano all’interno di un centro odontoiatrico devono informare il paziente sullo stato di salute dei suoi denti con spiegazioni chiare e semplici. Il dialogo e la trasparenza sono un chiaro esempio di professionalità e preparazione: per qualsiasi cura o intervento, la scelta informata dovrebbe essere la regola come i consigli basilari sulla prevenzione e cura dell’igiene orale da parte del dentista.

Nella prima visita, il dentista deve conoscere in modo dettagliato lo stato di salute del paziente, i farmaci assunti, eventuali patologie, allergie, problemi di coagulazione o di pressione.

Il rapporto di fiducia tra pazienti e centri odontoiatrici consiste anche nella trasparenza in sede di preventivo di spesa.

  1. Igiene e sicurezza

Il rispetto dei necessari standard di igiene, sicurezza e misure anti Covid deve essere rigoroso all’interno di uno studio dentistico.

Igiene e pulizia devono essere osservate sia all’interno dei locali sia nell’utilizzo degli strumenti asettici monouso imbustati. Le superfici con cui entra a contatto il dentista nel suo lavoro devono essere protette con una pellicola trasparente da sostituire tra una visita e l’altra.

Per ogni intervento o visita, il medico deve indossare guanti e mascherina.

  1. Attrezzature e macchinari moderni

Non tutti siamo in grado di distinguere quali sono i macchinari più all’avanguardia, ma basta guardarsi intorno in un centro odontoiatrico e fare qualche ricerca su Internet.

Materiali ed attrezzature moderne utilizzati in uno studio sono indice di qualità della prestazione e competenza. Uno studio moderno utilizza lo scanner intraorale per le impronte, Tac, ortopantomografo per le radiografie endorali ai fosfori che riduce le radiazioni. 

Il microscopio ottico operatorio migliora le prestazioni, interventi come la devitalizzazione o quelli di chirurgia paradontale.

Come minimo, il dentista deve usare la diga in gomma per evitare contaminazioni di batteri: consiste in un foglio in lattice che serve ad isolare in fase di otturazione o devitalizzazione.

Comments

comments