Il nostro corpo cambia quando invecchiamo e proprio per questo motivo è estremamente importante mantenersi sempre in perfetta salute a tutte le età. In particolare, una volta raggiunti i 30 anni, si perde più massa muscolare di quella che il corpo è in grado di produrre e così è più facile andare in contro a problematiche come perdita del tono muscolare, stanchezza e aumento di peso. Per evitare che questo quadro si avveri è necessario mettere in atto alcune semplici strategie, che vanno dall’allenamento ai regolari controlli di salute: già, perché una forma fisica perfetta deve essere specchio di un ottimo stato di salute generale del corpo e se vuoi ottenere entrambi devi impegnarti affinché questo accada.

Qui di seguito sono riportati alcuni importanti consigli su come restare in forma e in salute dopo i 30: non si tratta di stravolgere completamente le tue abitudini ma solo di modificarle leggermente in modo da costruire nel tempo un corpo sano e armonioso.

Allenamento al mattino

Se hai già questa abitudine sei davvero un passo avanti, ma se non ce l’hai è il momento di svilupparla e coltivarla. Gli allenamenti mattutini sono sempre migliori rispetto a quelli serali, in quanto aumentano l’energia per tutto il giorno e migliorano l’umore. 

Mantenere un peso sano

Mantenere un peso sano è importante per avere una vita longeva. Quando invecchiamo, il nostro metabolismo rallenta: siamo presi da tanti impegni e non troviamo mai il tempo per fare esercizio. Questo porta inevitabilmente ad un aumento di peso. Un BMI elevato è associato a un maggior rischio di malattie cardiache, diabete e problemi di fertilità. Quindi, mantenere il proprio peso è fondamentale per condurre una vita sana. Se sei in sovrappeso inizia subito aumentando la quantità di esercizio giornaliero: oltre ad allenarti al mattino puoi fare lunghe camminate o andare in bici. Inoltre puoi contare sull’aiuto di integratori alimentari per perdere peso come quelli che trovi sul sito https://www.benesseredonnaonline.it/.

Ridurre l’assunzione di zucchero

Mentre il numero di candeline aumenta sulla tua torta di compleanno, devi fare scelte alimentari intelligenti. La cosa migliore per controllare i centimetri sul tuo girovita è controllare l’assunzione di zucchero. Troppo zucchero porta all’aumento di peso e predispone il corpo a diversi processi di infiammazione, che possono a loro volta innescare molti problemi di salute.

Imparare a gestire lo stress e l’ansia

Se non si impara a gestire lo stress e l’ansia già a 30 anni, questo può portare a seri problemi di salute quando si invecchia. Dai problemi di digestione all’incapacità di perdere peso, lo stress è responsabile del 75% delle malattie. Ecco perché imparare a gestire lo stress è la chiave per la felicità in tutte le fasi della vita.

Sottoporsi a regolari controlli di salute

Sì, sappiamo che sei troppo occupata, ma non importa: assicurati di non saltare l’appuntamento con il tuo medico. Le donne dovrebbero essere consapevoli di quando devono fare il pap test e gli esami del seno. Inoltre, non dimenticare che la diagnosi precoce di una condizione medica è importante per un trattamento facile e di successo.

Prendersi cura delle tue ossa

Dato che ora hai 30 anni, devi prenderti cura delle tue ossa. La densità ossea raggiunge il suo picco verso i 30 anni, quindi questo è il momento di assicurarsi di fare tutto il possibile per costruire e mantenere ossa sane e forti. Per questo è sufficiente assumere livelli adeguati di calcio e vitamina D.

Applicare regolarmente la protezione solare

Non importa in quale parte del mondo vivi, devi applicare la protezione solare quotidianamente per proteggere la tua pelle. Dimenticare di applicare la protezione solare anche occasionalmente può avere un impatto sulla tua pelle a lungo termine. Un modo efficace per non dimenticarsene è scegliere una crema giorno che abbia già un fattore di protezione al suo interno (SPF).

Conoscere la storia clinica della tua famiglia

Con l’avanzare dell’età, è importante non solo conoscere il proprio stato di salute ma anche tenere traccia delle malattie che si è a rischio di sviluppare geneticamente. Inoltre, dovresti sapere a che età ai tuoi familiari è stata diagnosticata una determinata malattia e farti controllare per la stessa molto prima di quell’età. Ad esempio, se qualcuno nella tua famiglia ha avuto il cancro del colon-retto all’età di 46 anni, dovresti iniziare a farti controllare a 36 anni.

Comments

comments