Ananas per bruciare i grassi: consigli

Per chi desidera perdere qualche chilo o semplicemente adottare uno stile di vita più sano, scegliere gli alimenti più giusti per raggiungere lo scopo è fondamentale. Oltre ad una necessaria riduzione di zuccheri complessi e carboidrati, però, sarà opportuno integrare verdura e frutta al proprio menu giornaliero così da favorire la depurazione dell’organismo ed un adeguato apporto di vitamine e minerali.

Tra i diversi tipi di frutta che è consigliabile inserire nel proprio regime alimentare ipocalorico, l’ananas sembra essere un valido alleato per smaltire più velocemente grassi e liquidi in eccesso favorendo il processo digestivo.

Si è sentito spesso parlare dell’ananas per bruciare i grassi. Le sue proprietà derivano da una particolare sostanza, la bromelina, contenuta nel gambo dell’ananas. Ma qual è realmente il suo potere? La bromelina è in grado di scomporre le proteine dei cibi che ingeriamo e in questo modo a trarne vantaggio è la digestione che risulta accelerata. Allo stesso tempo, questo particolare processo permette di rallentare l’assimilazione dei grassi.

Oltre che per la presenza della bromelina, il consiglio è quello di preferire quindi l’ananas ad altri tipi di frutta, soprattutto in una prima fase detox della propria dieta. Trattandosi di un frutto ricco di acqua, vitamine e minerali e con pochissime calorie può infatti sostituire una pausa tra un pasto e l’altro così da evitare spuntini poco sani o troppo dolci.

Per coloro che vogliono potenziare l’effetto brucia grassi dell’ananas, invece, il consiglio è quello di utilizzare degli integratori a base di ananas in concomitanza ad un regime dietetico controllato. In questi prodotti nutraceutici, infatti, il gambo del frutto viene polverizzato ed incapsulato. È quella la parte dell’ananas che contiene la maggior quantità di bromelina ed è proprio utilizzandolo che è possibile ottenere risultati più veloci ed evidenti, a tutto vantaggio della forma fisica ma anche della salute generale dell’organismo.

Su CurarsiBene.it potete trovare ulteriori approfondimenti sui vari consigli alimentari

Comments

comments