Il buon vino italiano, fonte di benessere

La cucina italiana inutile dirlo è sicuramente una delle più saporite al mondo, non a caso gli stessi stranieri sono da sempre amanti della nostra cucina, innamorati del buon cibo e del nostro territorio, tuttavia per chi in Italia ci vive, non sempre è così facile trovare un ristorante che cucini nel modo giusto.
Molto spesso ci si affida alle conoscenze e a una rete di relazioni che si possa consentire di recarci in una determinata zona geografica d’Italia, con la sicurezza del mangiare nel modo adeguato, non sempre è facile trovare un ristorante che soddisfi le nostre esigenze culinarie.
Il cibo in Italia è da sempre una delle caratteristiche che ci distinguono nel mondo, per questo motivo spesso l’Italia nell’immaginario collettivo è il luogo in cui, oltre a trovare bellezze fuori dal comune e monumenti che sanno di storia, è luogo di cibo accattivante e saporito, dei vini di qualità, un paese in cui vale veramente la pena fare i turisti.
Pensiamo a quei momenti in cui decidiamo di recarci con amici in un ristorante conosciuto, la prima cosa che vogliamo è avere una cucina saporita, piena di varietà e di razioni abbondanti, si sa durante queste cene o pranzi anche il vino diventa un compagno prezioso.
Accompagna le portate in maniera discreta e piacevole, rendendo ancora più gratificante il momento che passeremo con gli amici, resta il fatto che spesso durante questi pranzi si tende a esagerare, mangiando più del dovuto, il risultato di questi eccessi alimentari è legato alla cattiva digestione.
Il nostro stomaco non abituato a introdurre delle quantità di cibo del genere, si appesantisce, tutto questo si ripercuote sulla nostra digestione che diventa molto difficoltosa, per questo motivo cercheremo una soluzione, un amaro magari a base di erbe che sia in grado di alleggerire la nostra digestione in evidente difficoltà.
Sono le famose mangiate eccessive, quelle durante le quali non possiamo certo pensare di darci un freno, l’occasione, il momento, il clima rilassato e piacevole non consentono al nostro stomaco di potersi fermare là dove magari sarebbe necessario darsi una regolata.
Arriviamo a fine pasto molto appesantiti, con la sensazione che avremmo dovuto darci una regolata e mangiare in maniera più attenta, evitando d’introdurre nel nostro corpo una quantità di cibo eccessiva, ormai il danno è fatto, siamo in difficoltà e anche la nostra digestione non è regolare.
Chiamiamo il cameriere per farci portare un amaro, un liquore che ci consenta di smaltire la quantità di cibo introdotta, portiamo questa situazione nel quotidiano, pensiamo ad un pranzo nel quale oltre al moscato, ci sono molte varietà di cibo e tanti antipasti.
Abbiamo organizzato tutto, dall’antipasto al primo, fino ad arrivare al secondo, un pasto completo, siamo in compagnia di amici e il clima è molto piacevole, tuttavia abbiamo il nostro asso nella manica, un amaro che ci consenta di alleggerire il pasto, là dove sappiamo sarà molto pesante.
La famiglia Tosti, famoso produttore di moscato attenta anche a queste esigenze, ha creato un prodotto ad hoc che si chiama Cardamaro, un amaro aromatizzato al carciofo e al cardo, un autentico tonico digestivo dalle molteplici proprietà, preparato secondo un infuso di vino e di erbe selezionate tra le quali il Cardo Alimentare.

Comments

comments